167

WAIT FOR THE VIDEO....

167. BRANCHED GRAFT WITH EXPANDABLE ENDS FOR TOTAL ARCH REPLACEMENT.

S. NAZARI,Z. MOURAD, C. BANFI, S. SALVI, E. VISCONTI, A. ALUFFI.

Video & Poster, Proceedings Aortic Surgery Symposium V, New York, April 23-26, 1996

167-I. PROTESI COMPOSITA PER LA SOSTITUZIONE DELL'ARCO AORTICO

S.NAZARI, C. BANFI, S. SALVI, Z. MOURAD,, A. ALUFFI, M. ALONZO

Video. Atti del XVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia Cardiaca e Vascolare

Roma, Novembre 1996

Archivio di Chirurgia Toracica e Cardiovascolare, 18:199, 1996

176. SOSTITUZIONE PROTESICA DELL'ARCO AORTICO CON UN NUOVO DISPOSITIVO PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE NEUROLOGICHE

NAZARI S, SALVI S, BANFI C, ALUFFI A, VISCONTI E , RESCIGNO G

Archivio di Chirurgia Toracica e Cardiovascolare, 20:45-52, 1998

Il rischio di complicanze neurologiche della chirurgia dell'arco aortico è tanto più grande quanto maggiore è la durata della fase di arresto circolatorio.

Scopo del lavoro è di riportare la sperimentazione sull'animale di un nuovo dispositivo per semplificare e velocizzare la confezione delle anastomosi vascolari nella sostituzione dell'arco aortico.

Il dispositivo per l'anastomosi vascolare consiste essenzialmente di alcune anse di filo di acciaio armonico opportunamente suturate ad una protesi in dacron in modo tale da formare un sottile cilindro rigido. Una guida di azionamento removibile consente di variare l'apertura delle anse metalliche in modo tale che l'estremità della protesi varia il proprio diametro mantenendo tuttavia una regolare forma cilindrica.

Per questa serie sperimentale è stata preparata una protesi composita, munita delle branche laterali per i tronchi sovraortici, ciascuna provvista del dispositivo espansibile. La sperimentazione è stata condotta su 5 suini di piccola taglia (20-40 Kg) nei quali il by-pass cardiopolmonare con ipotermia moderata (25?C), è stato stabilito con cannulazione dell'atrio destro e dell'arteria iliaca sin. La protesi è stata posizionata durante una breve (5-10 min.) fase di arresto circolatorio e ciascuna estremità espansibile dilatata fino ad aderire fermamente con la parete vascolare; l'estremo prossimale della protesi è stato clampato e l'anastomosi con l'aorta ascendente effettuata con tecnica tradizionale mentre la CEC è stata ripresa e l'animale riportato in normotermia.

4 su 5 animali hanno potuto riprendere l'autonomia circolatoria senza che fossero evidenti lesioni neurologiche. Al sacrificio le protesi erano regolarmente in sede senza irregolarità del lume né trombi.

I vantaggi del dispositivo possono essere riassunti in breve durata della fase di arresto circolatorio, facile ed affidabile emostasi dell'anastomosi, approssimazione stabile dei piani di dissezione in caso di aneurismi dissecanti.

172. PROSTHESIS FOR AORTIC ARCH SUBSTITUTION

S. NAZARI, S. SALVI, A. ALUFFI, E.VISCONTI, G.RESCIGNO, P.BUNIVA

ANN THORAC SURG, 1997; 64:1339-44 ?I.F. 2,053

Background The risk of neurological complications in aortic arch prosthetic substitution is directly related to the duration of the circulatory arrest. The purpose of this paper is to report the experiments on animals of a new device for simplifying and quickening the vascular anastomosis in aortic arch substitution.

Methods The device consists of expandable loops of stainless steel wire, sewn to the proximal end of a dacron prosthesis. An actioning removable guide allows the stainless steel wire loops to be expanded and tightened, in such a way that the prosthesis diameter is varied, while maintaining a regular cylindric shape. The prosthesis end is then transformed into a rigid cylindrical ring, approximately 1/2 the maximal diameter in length, with a variable and controllable diameter. A composite graft was prepared, fitted with the expandable device at the distal end of the main prosthesis as well as at each end of the branches for the supraortic trunks. Cardiopulmonary by-pass was established by cannulation of the right atrium and left iliac artery. The prosthesis was positioned very easily and quickly during a brief hypothermic circulatory arrest; ascending aorta anastomosis was carried out by the standard technique after CNS reperfusion was resumed.Acute experiments were carried out in 5 swine.

Results Four out of 5 animals survived the procedure without detectable neurologic sequelae. At sacrifice the prosthesis was found to be properly sited without lumen distortion or thrombosis.

Conclusions The main advantages of this device and modality of arch substitution in a clinical setting would include: drastic reduction of the circulatory arrest time, easy and reliable hemostasis of the anastomosis line, accurate and firm approximation of the dissection layers in case of dissecting aneurysms.

see other references at: http://www.fondazionecarrel.org/ag/letteratura.htm

last modifie Feb 5, 2012