140. A technique for thoracic great vessels partial prosthetic substitution.

S NAZARI, Z MOURAD, G RESCIGNO, A GUAGLIANO, A BERTI, F LUZZANA, F MAESTRI, F BALDINI

Viseo, Abstract, proceedings XXVIII Congress of the European Society for Surgical Research, May 23-26, 1993, Turku, Finland

Eur Surg Res 25, S1, 1993, pp53-54

159. SOSTITUZIONE PROTESICA PARZIALE DEI GROSSI VASI DEL TORACE SENZA INTERRUZIONE DEL FLUSSO EMATICO. UNA NUOVA TECNICA

NAZARI S, LUZZANA F, MOURAD Z, SALVI S, BARBANO T, BANFI C, RESCIGNO G, GASPARI A, TICOZZELLI G, ZONTA A

Video. Comunicazione all'adunanza del 2 giugno 1995 della Soc Med Chir Pavia

Boll Soc Med Chir Pavia, 109:167-175, 1995

Scopo del lavoro é di illustrare una tecnica di sostituzione protesica parziale dei grossi vasi del torace senza interruzione del flusso in caso di infiltrazione neoplastica. La tecnica consiste nell'anastomizzare alla struttura vascolare da resecare una tasca rettangolare provvista di una apertura laterale, preparata con materiale protesico ( protesi in dacron o PTFE, pericardio autologo). I margini dell'apertura laterale della tasca vengono anastomizzati al vaso, clampato tangenzialmente, in prossimità del tratto che deve essere resecato. Dopo aver rimosso il clampaggio tangenziale la tasca viene delicatamente introflessa nel lume vascolare ed i margini vengono suturati alla parete vasale attorno al segmento di parete da resecare. Nei distretti a bassa pressione (circolo polmonare e vena cava superiore) le suture vengono passate dall'esterno con l'aiuto di un tutore col quale la protesi viene spinta dall'interno e mantenuta in contatto con la parete vasale. Nei distretti a pressione sistemica è opportuno utilizzare clamps per mantenere la tasca introflessa nella posizione desiderata per la sutura. Dopo aver completato la sutura il segmento di parete vascolare e la parete esterna della tasca protesica vengono rimossi in blocco. La tecnica permette la resezione fino alla metà della circonferenza vascolare per un tratto limitato solo dalle dimensioni della clamp utilizzata per il clampaggio laterale. Così la tecnica può essere indicata per la resezione di tratti di parete vascolare infiltrati dalla neoplasia non trattabili con il clampaggio tangenziale e non estendentesi oltre la metà della circonferenza vascolare. La tecnica è stata sperimentata con successo in 10 suini per la sostituzione protesica parziale dell'aorta ascendente, aorta discendente, vena cava superiore ed arteria polmonare principale